martedì 29 ottobre 2013

1.1 - Artrosi.


I sintomi più caratteristici dell’artrosi sono :
- Dolore che peggiora usando l’articolazione, e migliora con il riposo.
- Rigidità al mattino.
- Gonfiore dei tessuti molli.
- Riduzione della mobilità.
- Perdita della funzionalità articolare.

Il dolore delle articolazioni può essere invalidante e ridurre la qualità della vita.
Le articolazioni più a rischio sono : l’anca, il ginocchio, la spalla, il piede e la mano.

La causa principale dell’artrosi è l’infiammazione  legata, più che all’invecchiamento, a traumi giovanili, a malattie immunologiche, o all’errata alimentazione.

Il dolore peggiora con l’esercizio fisico intenso, ma se non ci muoviamo, rischiamo la sedia a rotelle.
Allora, l’unica soluzione è quella di combattere sia l’infiammazione, sia il dolore.

Circa il 50% dei malati guarisce senza medicine (almeno, nelle fasi iniziali della malattia) : questo perché l’organismo cerca di combattere il male.
Allora, qualsiasi terapia dovrebbe cercare di stimolare il processo di guarigione.

Gli antinfiammatori e antidolorifici (FANS, cortisonici, ecc.), che sono le cure mediche più utilizzate, sembrano dare un immediato sollievo. In realtà, alla lunga, peggiorano i sintomi e sembrano essere loro stessi la causa dell'aggravamento della malattia.
( Fonte : Murray, Osteoartrosi. Edizioni Red).
Oltre a dare effetti collaterali molto severi. (Ulcera gastrica, ipertensione, reazioni allergiche. E se la loro assunzione si protrae molto a lungo, anche danni al fegato e ai reni).
I FANS, infatti, inibiscono la ricostituzione della cartilagine e accelerano la sua erosione.
Poiché l’artrosi è provocata proprio dalla degenerazione della cartilagine, i FANS possono, quindi, peggiorare il disturbo.
Nessun dolore cronico ortopedico dovrebbe essere trattato con i FANS.

I farmaci di scelta dovrebbero essere gli oppioidi, che hanno pochi effetti collaterali, non pericolosi e controllabili. (Chiedere sempre ad un medico esperto).
Questi farmaci eliminano il dolore e migliorano il decorso della malattia ( ciò vale, soprattutto, per l’artrite reumatoide). 







Nessun commento: