domenica 10 dicembre 2017

Influenza 2017/18.


L'inverno è arrivato.
Con l'arrivo precoce del freddo, quest'anno la stagione influenzale sarà più lunga e, di conseguenza, con più ammalati.

Se siete sempre raffreddati e vi cola il naso, avete probabilmente una scarsa resistenza ai virus : abbondate con vit. C (agrumi e kiwi), funghi e lievito di birra (pizza).
A volte, soprattutto se il raffreddore è all'inizio, può essere sufficiente una compressa di lievito di birra, o una compressa di multivitaminico (io uso mezza compressa di Multicentrum Junior).
Il raffreddore passerà in mezzora.

Se, invece, il vostro problema sono le infezioni batteriche e vi riempite spesso di antibiotici, vi consiglio, a scopo preventivo, un'alimentazione Th2, privilegiando pesci grassi, noci, vit. A  e vit. D (con gli alimenti).
Questa dieta vi aiuterà a prevenire anche l'influenza (quella per cui i medici consigliano la vaccinazione).
Aiuta anche il succo di una fettina di limone, preso appena sentite il "pizzicorino" in gola. Ripetere se necessario.
Inoltre è bene introdurre nella propria alimentazione anche le spezie.

Vaccino antinfluenzale.
Mi sono posto una domanda :
1. Si ammalano di influenza, ogni anno, quasi esclusivamente i bambini.
Allora, perché fanno vaccinare soltanto i vecchi ?

Risposte (che mi sono dato) :
1. Fanno vaccinare i vecchi perché essi, comunque, non si sarebbero mai ammalati...
E così possono dire che la vaccinazione è efficace.
2. Non fanno vaccinare i bambini perché questa prassi potrebbe dimostrare, senza ombra di dubbio, l'inutilità totale di queste vaccinazioni : per i bambini, guarda caso, il vaccino è praticamente inefficace. Se immunizzati, sono protetti dai 3÷4 virus presenti nel vaccino, ma si ammaleranno a causa degli altri 265 virus influenzali.
Soprattutto, potrebbero emergere un elevato numero di eventi avversi, anche molto gravi.
Sarebbe la fine per la loro gallina dalle uova d'oro.

venerdì 8 dicembre 2017

Epatite B.


La malattia si contrae attraverso i rapporti sessuali con persone malate, o attraverso il sangue (barbiere, operazioni chirurgiche, dentista, tatuaggi, scambio di siringhe, pedicure e manicure, ecc.) : quando, cioè, il nostro sangue entra in contatto con altro sangue malato, o con un attrezzo contaminato.
Le stesse modalità con cui si può prendere l'Aids, l'epatite C, D, E, F, G, le malattie veneree, i vari papilloma virus, ecc.

La trasmissione della malattia avviene, in prevalenza, con i rapporti sessuali : chissà perché, in Italia, fanno vaccinare i neonati...
Elevato anche il numero di infezioni prese in ospedale.

L'attenzione e le precauzioni * necessarie per evitare tutte queste malattie sono le stesse che servono per evitare l'epatite B.
Perciò il vaccino è inutile e diseducativo.
Infatti è assolutamente sbagliato vaccinarsi contro questa malattia che si può evitare con semplici norme comportamentali (che ormai stanno diventando patrimonio di tutti).
Ma è anche da scemi vaccinarsi contro un solo virus, quando insieme a lui ce ne sono altri migliaia che, ovviamente, possono infettarci con le stesse modalità...
E' come mettere la testa dentro un alveare : se sono vaccinato contro la puntura di una sola ape, che farò contro tutte le altre ?
Se mi metto la maschera, invece, sarò protetto da tutte.

Ma è anche diseducativo perché qualcuno può credere che la vaccinazione protegga da qualsiasi malattia.
Inoltre, è stato dimostrato che, se un virus viene combattuto con un vaccino, esplodono tutti gli altri virus della stessa famiglia.
Infatti, se prima c'era solo l'epatite B, ora ci sono anche la C, la D, la E, la F, la G, e altre ancora. (I virus si difendono... modificandosi!)
E' come per l'influenza : ci si vaccina contro 3 virus, mentre ci si può ammalare con gli altri 265.

* Norme comportamentali.
Basterebbe il preservativo, per tutti i rapporti sessuali occasionali ; oppure far cambiare la lametta al barbiere che ci taglia i capelli ; evitare scambi di siringhe ; pretendere dal tatuatore e dal dentista l'uso di attrezzi (sigillati) usa e getta ; ecc.

Il vaccino anti-epatiteB protegge per meno dell'uno per cento di tutte le malattie sopra dette. E mi posso prendere il restante 99%.
Vorrei che il ministro (o un medico qualsiasi), mi dicesse come fare per proteggermi da questo 99%...

Domanda :
- Perché vaccinare milioni di neonati, con il rischio di effetti collaterali molto gravi, per proteggerli soltanto dall'uno per cento delle malattie dette sopra ?-

Oggi, le vaccinazioni di massa sono diventate più dannose di tutte le malattie che vorrebbero prevenire.

martedì 28 novembre 2017

Medicina scientifica.


La scientificità della Medicina, in gran parte, potrebbe essere paragonata all'impianto elettrico di un appartamento .
Se in una stanza la luce rimane accesa di giorno (la malattia), la Medicina interviene spegnendo e bloccando l'interruttore. La luce è stata spenta e la malattia sembrerebbe guarita.
Ma se l'interruttore è bloccato, quando arriva la notte non posso riaccenderlo (non esistono medicinali "a tempo"). e quindi sono costretto a stare al buio (effetti collaterali).

Se invece succede che non funzioni una presa di corrente e l'interruttore non c'è, allora (la Medicina) spegne l'interruttore di tutte le prese, nel quadro generale.
Ma così non funzionerebbe né il frigo, né la lavatrice, né la caldaia, ecc.

Ecco, questa è la Medicina oggi!
Sa soltanto bloccare il sintomo, ma non sa guarire (riparare il danno), né conosce gli effetti delle sue azioni sull'organismo (soprattutto a lunga scadenza).

Il problema non è se una cosa è scientificamente dimostrabile : il fatto è che potrebbe essere scientificamente sbagliata.




mercoledì 22 novembre 2017

Antibatterici naturali.

Quando ero bambino mi piaceva la pasta asciutta. Ricordo che, spesso, mi capitava sotto i denti (nascosto dentro pennette e rigatoni) un chiodo di garofano : il sapore disgustoso mi restava in bocca per tutto il giorno.
Mi sono sempre chiesto perché mia madre mettesse i chiodi di garofano nel sugo, visto il loro saporaccio.
Mi sono chiesto anche perché si metteva la cannella nei dolci, fino a rovinarne il sapore e il profumo. O perché si mescolavano i granelli di pepe interi nei salumi : masticati involontariamente bruciavano la lingua.

Le spezie, che hanno fatto arricchire le Repubbliche marinare, non venivano messe nei cibi per mantenere bassa la pressione arteriosa (come consigliano, superficialmente, i medici-nutrizionisti al fine di diminuire il consumo di sale), e nemmeno per nascondere il cattivo sapore dei cibi avariati.
Le mettevano perché le spezie sono dei potenti antimicrobici e, in assenza degli antibiotici scoperti recentemente, contribuivano a mantenere in buona salute chi le mangiava.
Le spezie rinforzano le difese immunitarie contro i batteri. Possono essere usate soprattutto come prevenzione, ma anche in caso di antibiotico-resistenza (farmaci che non fanno effetto), come ausilio naturale per combattere meglio le infezioni.

Gli antibatterici naturali possono essere classificati in vari gruppi :
1. Antimicrobici, che proteggono da virus e batteri contemporaneamente :
- Tea tree oil (olio essenziale di melaleuca)
- Propoli : efficace per disturbi alla gola (azione antinfiammatoria e antimicrobica per faringiti, tonsilliti, ecc.)
2. Antibatterici :
Sono molte le spezie più efficaci :
Chiodi di garofano 99% (di batteri eliminati)
Cannella 80%
Origano 50%
Salvia 37%
Poi, anche pepe, prezzemolo, rosmarino e basilico.

Altre ancora :
Timo volgare : l'olio essenziale di Timo fluidifica il catarro; efficace per sinusiti, otiti, faringiti, laringiti, bronchiti.
Succo di mirtillo rosso Cranberry (efficace contro le infezioni urinarie)
Cipolla. Semi di pompelmo.

3. Infine, i probiotici come : L. Acidophilus e Bifidus.
Che colonizzano l'intestino ed evitano la proliferazione dei batteri dannosi.

Un esempio di assunzione :
Decotto : 3 chiodi (di garofano!) + 1 pezzo di cannella + salvia e rosmarino, in 300 g di acqua.
Lasciare bollire per circa 10 minuti, fare raffreddare e bere con scorza di limone e miele.


In ogni caso, per le erbe e gli oli essenziali, consultare sempre il medico curante.


lunedì 20 novembre 2017

Effetti collaterali antibiotici.


In genere, gli antibiotici sono immunosoppressori : inducono >>Th1 forte.
Fanno aumentare anche i fattori di crescita (cancerogeni) : infatti, spesso, gli antibiotici vengono dati ai polli e ai vitelli per favorire l'aumento di peso.
Cicli ripetuti favoriscono il cancro (seno, colon, prostata).
Favoriscono anche il diabete di tipo2.

Possono dare inoltre :
1. Diarrea, nausea e vomito.
2. Infezioni SUPER, dovute a germi selezionati (vedi, antibiotico-resistenza).
3. Carenze vitaminiche (gruppo B)
4. Candidosi e crescita abnorme di funghi.
5. Reazioni allergiche pericolose.
Sono tra i componenti dei vaccini pediatrici.
E dei prodotti Ogm.

Squilibrando le difese immunitarie  in senso Th1, favoriscono tutte le malattie collegate.


sabato 18 novembre 2017

Antibiotico-resistenza.


Il 18 novembre è la giornata europea degli antibiotici.
L'Istituto Superiore di Sanità, che conduce la campagna di sensibilizzazione, ha sbagliato "target" (obiettivo) : si rivolge alla gente, ai cittadini e chiede loro di non abusare degli antibiotici, perché spesso sono inutili e possono creare antibiotico-resistenza.
Ma credono, forse, che ai cittadini piacciano gli antibiotici a colazione e a cena, come condimento dei cibi, o come dessert ?
I cittadini che li hanno presi sanno che sono dannosi, soprattutto per gli effetti collaterali...
Sono i medici che non lo sanno !
E' a loro che si deve rivolgere la campagna di sensibilizzazione, ma soprattutto le linee guida dell'ISS. Sono loro che sanno (o dovrebbero sapere) che gli antibiotici sono spesso inutili e dannosi !
Perché, fino a prova contraria, per "mangiare antibiotici" è ancora necessaria la ricetta medica !

Gli antibiotici sono apparsi alla fine della seconda guerra mondiale, ma si sono diffusi negli anni '70.
Sono un presidio salvavita molto importante, se usato bene. Ma oggi il suo uso è inadeguato (inutile) nel 90% dei casi in cui viene prescritto.
In meno di 50 anni abbiamo minato la loro utilità e ci stiamo avviando pericolosamente  verso la loro totale inefficacia.
L'antibiotico-resistenza è un dato di fatto : negli ospedali italiani si infettano 300.000 persone all'anno (qui sì che ci vorrebbe un vaccino!) : ne muoiono, per inefficacia delle cure antibiotiche, circa 7.000.
Ormai è diventato pericoloso andare in ospedale...

L'antibiotico-resistenza dipende :
a) dai medici.
Smettiamola di accusare i cittadini che li userebbero a sproposito !
Gli antibiotici devono essere prescritti dal medico.
Sempre.
Il cittadino non può rubarli, né produrli in proprio. E' sempre il medico a darglieli, nel 90% dei casi, a sproposito.
Oggi si prescrivono per un semplice mal di gola, soprattutto ai bambini.
Viene prescritto dal dentista, per un'estrazione o addirittura come cura preventiva "per il cuore".
Non è, quindi, colpa del cittadino !

b) Viene dispensato dal farmacista. Che, troppo spesso, lo vende senza ricetta !
Se il Ministero della Salute combatterà queste due "anomalie", l'antibiotico-resistenza potrebbe ridursi o sparire.

c) Poi ci sarebbero ancora gli antibiotici dati agli animali di allevamento, in via preventiva e per ingrassarli. Ma anche qui è necessaria la ricetta del veterinario.
Sono permessi in molti Stati del Mondo, USA compresi (NO, al TTIP, anche per questo).
La presenza di residui dei farmaci negli alimenti derivati (carne, latte, uova), è dannosa per l'uomo, oltre a creare antibiotico-resistenza.

Si radiano dalla professione i medici che non vaccinano per malattie ormai inesistenti.
Perché non radiare chi prescrive e somministra antibiotici a go-go ?
(farmacisti, medici e veterinari).

mercoledì 15 novembre 2017

Epatite B : vaccinazione


L'incidenza dell'epatite B, in Italia, è diminuita costantemente negli ultimi 30 anni.
- Merito delle vaccinazioni! - dicono i medici.

Osservando il grafico pubblicato da Epicentro,
si evince che un calo drastico c'è stato tra il 1986 e il 1991 : si è avuta una riduzione da 12 malati a soli 4 malati, per 100.000 abitanti.
Guarda caso, prima dell'inizio della vaccinazione obbligatoria, avvenuta nel 1991/92 (quando solo una minima parte di bambini ha cominciato a ricevere il vaccino).
Forse, l'epatite B si è spaventata ... mentre il nostro parlamento faceva finta di discutere la proposta di legge obbligante, unica in Europa, e "oliata" da una generosa tangente.

Soltanto che, a ben guardare, la stessa cosa (diminuzione costante, fino a quasi scomparire) è successa per l'epatite C, nello stesso periodo, senza alcuna vaccinazione.
Ciò significa che sono altri i motivi per cui stanno scomparendo queste malattie infettive.
E non per merito delle inutili (e dannose) vaccinazioni di massa. 

Così come sono spariti il tifo, il colera, la lebbra, la peste bubbonica (di manzoniana memoria...), ecc., ecc.
Senza vaccinazioni.
Come mai ?

Mentre continuano ad ammalarsi (di morbillo, di pertosse, di meningite, ecc.), anche coloro che sono stati vaccinati !