mercoledì 13 maggio 2015

3. Gengivite e parodontite.

Complicazioni cardiovascolari, o ricerche fuorvianti ?

Esiste una correlazione tra patologie parodontali e malattie cardiache ?
A sentire molte “ricerche mediche”, sembra che i batteri gengivali possano passare nel circolo sanguigno, causando malattie cardiovascolari, cerebrali e molte altre, come osteoporosi, parto prematuro e perfino aborto spontaneo.
Tanto che molti dentisti ci hanno rifilato per anni una cura preventiva (del tutto inutile) a base di antibiotici.
Ma non potrebbe essere una ricerca medica fuorviante ?
(Oppure, pilotata ?…)

Ictus e infarto sono collegabili, è vero, con la parodontite. Ma non per colpa dei batteri (come sostengono molti dentisti), ma perché la parodontite è il sintomo di una malattia infiammatoria del tipo Th1.
Come lo sono, anche, l'infarto, l'ictus, l'osteoporosi, ecc.

L’infiammazione in bocca è la spia di uno squilibrio del Sistema Immunitario, indice di una scarsa resistenza ai batteri.

Infatti, le analisi hanno trovato, nella mia bocca, sempre e soltanto batteri comuni, compresi quelli tipici degli studi dentistici : quelli che sono presenti sulla bocca di tutti.
Quando le D.I. si indeboliscono, i batteri prendono il sopravvento e causano le malattie infiammatorie gengivali.
Per cui, lo squilibrio immunitario cronico (del tipo Th1) potrebbero essere la causa di tutto.
Curare i denti non previene l'infarto : si curano solo i denti, ma lo squilibrio resta.
Il riequilibrio, invece, con la dieta Th2,  porta alla completa guarigione.
Infatti, con la dieta Th2 si guarisce, sia dalle parodontiti, che dalle malattie del cuore.
Senza medicine, né, soprattutto, medici.



PS.
Dopo l'innesto di una vite di titanio per ancorare un dente artificiale,
qualche volta può succedere che l'osso non si saldi al metallo. Questo avviene perché lo squilibrio Th1 determina il consumo dell'osso, invece della sua crescita !
Con la dieta Th2 si guarisce e l'osso si riforma.

Nessun commento: